Parlare della Minestra Salvagioia è per me, Francesco, veramente un compito importante e allo stesso tempo una scoperta da divulgare perché non se ne perda la memoria. Non è stato semplice trovare gli indizi che portassero a una ricetta, ma i punti di partenza sono stati ancora una volta Michelangelo Iacono, la sua famiglia e Fontana d’Ischia. Sembra che questa minestra di erbe selvatiche fosse preparata soprattutto nei periodi di carestia e cioè quando non c’era da mangiare ma Michelangelo ed io, non pensiamo sia così. Crediamo invece che questo piatto sia veramente il frutto della saggezza contadina e dell’attenta conoscenza degli effetti terapeutici delle varie erbe utilizzate per la sua preparazione. Sicuramente esiste una differenza tra erbe curative ed erbe da minestra ma probabilmente non è poi così netta poiché, da sempre, la cucina tradizionale locale è basata soprattutto sul consumo di verdure e legumi secchi a cui si.
more info No comments