Michelangelo Iacono

Biografia

Sono nato a Ischia, precisamente a Lacco Ameno, in una giornata caldissima di luglio, il 27/07/1987, da mamma Anna Maria e papà Matteo.

Intrapresa subito la strada di un Istituto professionale, scelgo l’indirizzo “Portineria” dell’Alberghiero, con il sogno di diventare un grande direttore d’albergo. Nel frattempo inizio a lavorare come cameriere e aiuto cuoco in un piccolo ristorante a conduzione familiare del mio grande amico e “fratello grande” Eugenio Iacono, dove imparo a “spadellare” e a fare i primi conigli, oltre che ad apprezzare i prodotti della terra, esperienza bellissima che mi ha dato l’input per capire che qualcosa stava cambiando in me!
Diplomato e forte delle esperienze attraverso stage da receptionist in alberghi di lusso isolani, capisco che non è il lavoro fatto per me. Io che sono frenetico di natura decido di cambiare vita e di viaggiare, così appena diplomato scappo in Inghilterra a Londra. Entro per sbaglio in un ristorante italiano, lo chef è sardo, c’è subito feeling, prendo in mano il coltello e inizio a fare antipasti e dessert. E mi innamoro di questo lavoro.
Fino ad allora mi ci ero accostato per gioco e per dare una mano in casa a mia mamma, grande cuoca, seguendo le lezioni di nonna Maria “a’ panella”, tra un cannellone, un coniglio e un babà apprendo che quello sarà il mio mestiere!
Con l’entusiasmo di un diciottenne, mi affaccio ad una cucina importante della mia isola a cui devo tutto o quasi delle mie conoscenze : il ristornate Umberto a Mare di Ischia, con i miei maestri Umberto e Marco Regine, dove lavorerò per due anni. Quello è il mio trampolino di lancio, da lì seguono esperienze stagionali al Miramare a Sant’Angelo di Ischia, con lo chef Giovanni Fiorentino, fino ad arrivare alla cucina de Il Monastero, dove attualmente sono lo chef. Un luogo suggestivo sulla cima del Castello Aragonese, un posto incredibile che non si può descrivere ma solo vivere.