L’arte del “Piennolo”

L’arte del “piennolo di pomodoro”

Sì è una vera e propria arte quella della conservazione dei pomodori attraverso la tecnica del “piennolo”. Tutti noi sappiamo che il periodo produttivo dei pomodori è compreso tra Giugno ed Ottobre. Nella nostra cucina però , il pomodoro fa da principe ed è presente in quasi tutti i nostri piatti. Ci capita allora di comprarli dal fruttivendolo, o in supermercato, il sapore lo conosciamo non è di quelli migliori. Le persone anziane un po’ per necessità, un po’ per spirito di conservazione adottarono questa particolare tecnica   , “il Piennolo”.

La tecnica è la seguente  : i pomodori vengono raccolti in grappoli interi, detti “schiocche”, raccolti tra luglio e agosto prima della loro completa maturazione, vengono sistemati su delle ginestre(precedentemente raccolte e pulite fino a che rimane solo la parte verde), legate a cerchio, arrivando a comporre un unico grande grappolo di diversi chilogrammi che verrà mantenuto sospeso da terra in luoghi ben asciutti e ventilati.Il luogo deve essere asciutto, perché è l’umidità che facilita la formazione di batteri. Le grotte di tufo verde sono l’habitat ideale per questo tipo di tecnica! Alcuni usano mettere un po’ di zolfo sopra di essi per garantire il risultato finale. Questo sistema, favorendo una lenta maturazione, consente di avere “oro rosso fresco” fino alla primavera seguente all’anno della coltivazione.

La lunga naturale conservazione è dovuta al fatto che le piante sono coltivate “in asciutta” e alla buccia piuttosto spessa che limita la disidratazione del frutto. Infatti  qui ad Ischia la maggior parte dei terreni coltivati a pomodori sono privi di acqua, il chè permette una facile ed economica (si fa per dire) gestione di queste piante!

È molto diffusa la coltivazione di pomodori sulla nostra isola. C’è da dire che ci sono alcuni tipi di pomodori che si prestano a miglior risultato di conservazione e io ve li riporto col loro nome tradizionale: “a pummarol Vesuvio” , “a pummarol lu princip Borghese” , “ e nativ nostr”.

Il pomodoro del “Piennolo” è particolarmente usato per i bambini, si usa infatti fare le fette di pane e pomodoro, con il pomodoro solo strofinato sul pane, un filo d’olio buono, un pizzico di sale, l’origano( a ret’c) e uno spicchio di aglio! Io sono cresciuto così a pan e pummarol e “Piennolo” e voi??

 

 

 

 

 

 

A tal proposito in questa giornata di Febbraio ho scattato queste foto nei pressi di Forio D’Ischia in una grotta di tufo verde  , e guardate che meraviglia…. L’oro rosso in perfetto stato dopo quasi un anno!     Se ti piace questo articolo condividilo !

1 Comment

  1. renekala7 scrive:

    Hats off to wheveor wrote this up and posted it.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.