Il Fungo porcino

Sua maestà il fungo porcino

Oggi voglio parlarvi dei funghi e non di funghi normali, bensì di sua maestà: il Fungo Porcino!

Il fungo porcino è un fungo “maledetto” perché non si riesce ad “allevare” in cattività; persone comuni, biologi, agricoltori, cultori di questa specie hanno provato a coltivarlo, ma invano. Si racconta sul web che si possa farlo nascere con gusci di uova mischiate con sottobosco e castagne marce. Non vi nascondo che io personalmente ci ho provato, ma senza nessun tipo di risultato.

Il fungo porcino è “fetente” nasce solo con le sue condizioni, dopo un certo periodo dalla pioggia, in un habitat ben preciso e con la giusta temperatura. Si racconta che un signore, grosso cercatore di funghi,  puliva sempre le spore dei suoi porcini in un appezzamento sotto casa sua e che un anno quell’appezzamento gli tirò fuori ben 10 kg di porcini! Che sia vero o no noi non lo sappiamo e non potremo mai saperlo e adesso vi spiego il motivo. Quando si trovano i funghi nessuno lo dice , non si parla , non si dice neanche alla mamma o al fratello dove si sono trovati, è come una droga. Avete mai provato voi a cercare i porcini? Io sì e vi posso assicurare che quando li trovi poi non pensi ad altro, tutti i giorni almeno un ora la devi dedicare a loro e ogni volta che chiudi gli occhi per addormentarti la sera, ti compaiono davanti. Si sprecano i sogni che vedono come protagonisti i porcini; quintali e quintali di questa specie fantastica raccolti in sogno dai loro amanti.

Quando si trova un fungo del genere lo si bacia e si ringrazia la natura per averlo trovato, ci sono persone a cui non piace mangiarlo, ma che amano comunque cercarlo. E’ come una malattia.

 

I posti dove si trovano sono sempre gli stessi e vengono tramandati da generazione in generazione. Ad un vecchio di 100 anni che sta per sospirare ed andare a miglior vita, il cercatore di funghi non chiede l’eredità materiale, ma il posto per trovare i “casatielli”e l’ultima cosa che sentirà chiedersi sarà: “ ‘O zi’ dimmi i tuoi posti a casatiell”. Voi non ci crederete ma è proprio cosi! La “malattia” è cosi forte per questi porcini maledetti, che nel periodo che si trovano, l’INPS si ritrova con un sacco di presunti malati di influenza. Eh sì, tutti a cercare funghi , si abbandonano le famiglie , il lavoro, tutto per andare a “casatiell”. La cosa bella è che se domandi ad un cercatore se li ha trovati, ti dirà sempre: “sì, qualcuno l’ho trovato!”  In realtà ha già il congelatore pieno! Non bastano mai , sono sempre pochi , anche se hai 100 kg di funghi nel congelatore. Da noi è talmente sacro il porcino che viene donato alle persone più care, un avvocato, un dottore, una persona speciale a cui vuoi fare un regalo. Molto spesso le persone che lo ricevono non percepiscono il valore di quel prodotto, ma solo se non sono cercatori! Sì, perché se il ricevente del dono sa cosa significa trovare un fungo del genere, si emoziona e ringrazia 1000 volte per il dono ricevuto. L’oro della montagna: il Fungo porcino dal profumo inebriante, dalla bellezza esasperante, nelle sue forme più strane , per chi li conosce ti fa emozionare sempre anche se minuscolo, ti fa esporre a rischi assurdi, riesce a farti improvvisare scalatore temerario.

Delle volte può succedere che un porcino ti cresca a tua insaputa  nel giardino di casa, perché ha trovato proprio lì il suo habitat naturale.

Insomma il porcino è davvero una malattia e spero voi non l’abbiate, così da avere meno ‘nemici’ cercatori in giro, ma se mai doveste trovarne allora pensatemi, m’arraccumann’ ..

 

 

Porcino” è il nome comune di alcune specie di funghi del genere Boletus, spesso attribuito, anche come denominazione merceologica, a quattro specie di boleti (la sezione Edules del genere Boletus) facenti capo al Boletus edulis ed aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche vagamente simili.

Qualche micologo è arrivato a farne dodici specie diverse, discriminando a seconda degli ambienti di nascita, gli alberi simbionti, i caratteri microscopici e macroscopici (forma, colorazione e proporzioni del corpo fruttifero).

Ma le specie codificate dalla micologia corren

te e che gli esperti sono in grado di riconoscere a prima vista per le loro caratteristiche esteriori chiaramente diverse, sono quattro:

  • Boletus edulis, Bulliard: Fries
    Nomi popolari: brisa, bastardo, fungo di macchia, moccicone, settembrino
  • Boletus aereus, Bulliard: Fries
    Nomi popolari: bronzino, fungo nero, fungo di scopa, moreccio, scopino, reale (Sardegna)
  • Boletus aestivalis (ex reticulatus), (Paulet) Fries
    Nomi popolari: ceppatello, estatino, fungo bianco, stataiolo
  • Boletus pinophilus (ex pinicola), Pilát & Dermek
    Nomi popolari: capo rosso, fungo da freddo, porcino dei pini.

 

 

Nessun commento.

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.